CASERMA DEI VIGILI DEL FUOCO E SEDE DELLA BANDA MUSICALE – TERMENO (BZ)

Ente banditore:
Comune di Termeno sulla Strada del vino

Progetto:
Architetto Nicola Isetta
Architetto Paola Rebellato
Dr. Ing. Simon Neulichedl (Strutture)

Plastico:
Roberto Righetti

Dimensioni:
S.U. caserma vigili del fuoco 1090 m²
S.U. sede della banda musicale 470 m²
S.U. parcheggio interrato 1010 m²

Calendario:
2017 luglio - concorso prima fase
2017 dicembre - concorso seconda fase

L'area di concorso presenta varie criticità, tra cui le dimensioni limitate del lotto e l'accessibilità sono le più vincolati, la nostra proposta progettuale si è posta l’obiettivo di razionalizzare gli spazi e rendere funzionali l’accesso e i percorsi della caserma dei vigili del fuoco ma, nel contempo, creare un ambiente di pregio, accogliente e inserito nel paesaggio. Per raggiungere l'obbiettivo riteniamo che la massima autonomia possibile tra le due funzioni e l'eliminazione delle auto dalla superficie del lotto siano gli elementi necessari per una maggiore qualità degli ambienti, agevolando l'affaccio verso la valle e consentendo un rapporto suggestivo con il contesto che valorizza il territorio in cui è inserita l’opera. Di fronte al locale degli automezzi è previsto un piazzale profondo 15 metri, che permette un'uscita agevole e senza interferenze anche ai mezzi che partono dai portoni più a nord. La differenza di quota e la pendenza del terreno, consentono di ricavare un grande spazio seminterrato senza la necessità di sbancamenti pesanti: questo spazio viene utilizzato per tutti i parcheggi (sia quelli dedicati ai vigili che quelli pubblici per la banda) e gli spazi tecnici, in modo da eliminare completamente i parcheggi scoperti ed evitare di avere le automobili parcheggiate in vista. L’accesso per le auto è unico e localizzato di fronte al parcheggio della zona residenziale esistente, dove la strada è già più pianeggiante e la manovra di accesso è sicuramente più agevole. Infine, a est del lotto, di fronte al vigneto, si trovano gli spazi per la sede della banda musicale che sono così completamente autonomi rispetto ai vigili. Il relativo volume si sviluppa su un piano e ha l'ingresso da una corte che misura 10x10 m e si apre verso sud. Tutti gli spazi principali della banda si affacciano verso la valle, una vista che favorisce serenità e concentrazione durante le prove. I materiali e le finiture sono tradizionali ma resi contemporanei dal dettaglio architettonico in modo da integrare il progetto nel contesto paesaggistico circostante. L'edificio è trattato con un basamento solido e “pesante” sul quale poggia un volume che diventa sempre più “leggero” andando verso l'alto, via via “smaterializzandosi”. Il basamento è composto dal garage seminterrato e dall'edificio della banda. I volumi della banda hanno una finitura con intonaco tradizionale a sprizzo che garantisce l'immagine solida ed omogenea desiderata, mentre verso la valle e sulla corte sono previste ampie vetrate protette da uno sporto di 2 m per garantire contemporaneamente illuminazione naturale e protezione dall'irraggiamento solare diretto estivo. Le parti esterne del garage che emergono dal livello del terreno sono chiuse da un paramento grigliato di cemento che permette la ventilazione necessaria per i locali dedicati al parcheggio. Il piano dei locali di intervento ha un'immagine più leggera e naturale grazie al rivestimento in legno di abete, che viene tagliato da un nastro di finestre per dare luce agli spazi interni. I 6 portoni per i mezzi invece sono metallici con vetrate e apertura a libro verso l'esterno. Il piano primo dei vigili ospita i locali amministrativi che hanno bisogno di luce naturale: è quindi completamente vetrato ed è protetto dall'irraggiamento solare da frangisole verticali in legno di abete, completando così la smaterializzazione del volume.